Assemblee condominiali nella sala parrocchiale

15 dicembre 2016

L'assemblea di condominio può svolgersi nella sala parrochiale?

Dove può oppure dove deve svolgersi l'assemblea di condominio?

In primo luogo ciò che conta è il contenuto dell'eventuale regolamento: com'è noto il regolamento è obbligatorio superati i dieci condòmini. In esso possono essere contenute norme disciplinanti lo svolgimento dell'assemblea, ivi compresi i luoghi in cui deve tenersi la riunione.

In assenza di indicazioni regolamentari, tutti i luoghi sono leciti.

La giurisprudenza che si è pronunciata in merito ha, comunque, delimitato il luogo al comune in cui è ubicato l'immobile condominiale (App. di Firenze 6 settembre 2005 n. 1249; Trib. di Treviso 29 giugno 2016).

Si tratta, ad avviso dello scrivente, di una conclusione contestabile allorquando per esigenze specificamente riconducibili al singolo condominio possa considerarsi comunque preferibile una riunione in un comune differente.

Quante volte succede che frazioni di un comune siano più vicine ad altro comune piuttosto che al loro capoluogo? Davvero in questi casi può considerarsi illegittima la delibera susseguente lo svolgimento di un'assemblea in comune diverso da quello di ubicazione dell'immobile? Lo stesso può dirsi per i così detti condòmini estivi, laddove tutti i condòmini o larga parte di essi vivano in altra città più facilmente raggiungibile.

Locali per lo svolgimento dell'assemblea

Data questa premessa sulla ubicazione, il resto riguarda, si ripete, in assenza di indicazione regolamentari, l'opportunità per prassi o di volta in volta individuabile. Quella dell'uso dei locali parrocchiali è un'ipotesi ricorrente; sovente l'ufficio dell'amministratore non è idoneo a ospitare un gran numero di condòmini, oppure più semplicemente sono i condòmini ad aver fornito quella indicazione (oralmente o con delibera, in tal caso equiparabile al regolamento).

Le sale parrocchiali, poi, molto spesso hanno un costo più basso rispetto ad altri simili luoghi. Né il condomino può avanzare lesioni dei propri diritti rispetto all'esercizio del culto: non gli si stanno imponendo sacramenti.

Stando così le cose, con buona pace dei contrari, la prassi di tenere le riunioni nei locali parrocchiali, entro i limiti sopra indicati, è perfettamente lecita e può essere eventualmente mutata o comunque se ne può domandare il cambiamento, senza però poterlo imporre.

Il costo della sala, infine, dev'essere ripartito tra tutti i condòmini secondo i millesimi di proprietà (nel caso di riunioni di condominio parziale, solamente tra gli interessati). 

Archivio news

 

News dello studio

giu13

13/06/2018

Privacy, amministratore di condominio tra natura della responsabilità per i danni da illecito trattamento ed esimente di imputabilità

Articolo 82 del regolamento europeo sulla protezione dei dati personali in relazione alla responsabilità per trattamento illecito. appiamo ormai da tempo che Titolare del Trattamento è

giu13

13/06/2018

Elenco morosi.Il condominio paga "una penale" in caso di mancata cooperazione con i creditori

L'amministratore deve fornire ai creditori i dati anagrafici dei morosi. Si tratta di un dovere legale di salvaguardia dell'aspettativa di soddisfazione dei soggetti titolari dei creditiLa società

giu4

04/06/2018

Ringhiere dei balconi arrugginite, manutenzione e spese

Ringhiere arrugginite: ripartizione costi e compiti assemblea A chi spetta pagare la manutenzione delle ringhiere del balcone che presentano segni di arrugginimento? Chi può ordinare l'intervento? Quali

News

ott21

21/10/2020

Sugar tax: determinato il potere edulcorante convenzionale

Ai fini dell'applicazione della sugar

ott21

21/10/2020

Contratti di prossimità: quali vantaggi per i datori di lavoro nel post Covid

Stipulare un contratto di prossimità può