3.jpg9_2.jpg4_2.jpg9.jpg

News

feb17

17/02/2020

Fabbricati da demolire, errato riqualificarli in aree fabbricabili

Una pronuncia della Corte di Cassazione

feb17

17/02/2020

Imposta sostitutiva TFR: saldo con F24 al rush finale

Entro il 17 febbraio 2020 i datori di

Archivio news

Attività

Lo Studio Ranieri fonda la sua attività su quattro principi fondamentali:

Efficienza, Trasparenza, Affidabilità, Onestà.

Nel rispetto di questi 4 elementi ci impegnamo ogni giorno affinchè i suoi condomini abbiano un punto di riferimento nella gestione e cura del loro patrimonio immobiliare a 360 gradi, collaborando attivamente con vari professionisti esperti nel settore.

Lo studio si impegna costantemente a perseguire una visione etica della professione in base a quanto previsto dal codice deontologico del'ANAMMI e ispirandosi ai principi dell'economia solidale.

Mansioni dell'amministratore

Prestazioni Ordinarie

In questa categoria rientrano le attività comprese nel mandato conferito all’amministratore ed incluse nel compenso concordato per tale mandato, in quanto corrispondenti e necessarie alla normale amministrazione del condominio e specificatamente:

Svolgimento di ogni attività correlata al ruolo di legale rappresentante del condominio (esempio: ricevere la corrispondenza e gli atti indirizzati al condominio)

Custodia del registro dei verbali delle assemblee e di tutti i documenti del condominio, per i tempi previsti dalle vigenti normative

Cura dell’osservanza del regolamento di condominio

Esecuzione delle delibere assembleari

Apertura e gestione del c/c bancario o postale del condominio

Redazione del rendiconto annuale e del preventivo dell’anno successivo ed invio di copia degli stessi ai condomini

Convocazione a mezzo di raccomandata A.R. o con mezzo equipollente e con indicazione degli argomenti all’ordine del giorno dell’assemblea annuale e presenza alla medesima nonché, redazione del processo verbale

Convocazione della riunione annuale del consiglio di condominio (se esistente)

Invio di copia del verbale della stessa a tutti i condomini, assenti e presenti

Messa a disposizione dei condomini che lo richiedano, previo appuntamento, dei documenti relativi al condominio e, prima dell’assemblea, dei documenti giustificativi delle spese, se richiesto consegna di copia dei documenti anzidetti a spese dei singoli richiedenti

Predisposizione della disciplina dell’uso delle cose comuni e cura della prestazione dei servizi nell’interesse comune, in modo da assicurarne il miglior godimento a tutti i condomini, nel rispetto delle norme vigenti, nonché svolgimento delle attività volte a conservare nel tempo il valore patrimoniale delle parti comuni degli immobili

Gestione dei rapporti tra il condominio e la Pubblica Amministrazione ed ottemperanza alle disposizioni della stessa

 

Prestazioni Straordinarie

Rientrano in questa categoria le seguenti attività: 

Convocazione a mezzo raccomandata A.R. o in forma equipollente, con indicazione degli argomenti all’ordine del giorno delle assemblee ulteriori rispetto a quella annuale e partecipazione alle stesse per tutta la loro durata, nonché, redazione del relativo processo verbale

Partecipazione all’assemblea annuale per la parte eccedente il limite di durata di tre ore, nonché partecipazione alla riunione annuale del consiglio di condominio (se esistente) per la parte eccedente le tre ore

Convocazione e partecipazione alle riunioni del consiglio di condominio (se esistente), ulteriori rispetto a quella annuale

Cura dei rapporti con la Pubblica Amministrazione (Comune, VVFF, ASL), nel caso d’interventi straordinari non ripetitivi

Convocazione e presenza alle riunioni di eventuali commissioni speciali

Compimento di ogni intervento necessario ed urgente nell’interesse del condominio

Compimento degli adempimenti di seguito riportati, nei casi di interventi straordinari sull’immobile condominiale previsti dai commi quarto e quinto dell’art. 1136 Cod. civ.:

  • richiesta dei preventivi
  • sottoscrizione del contratto sulla base di schema preventivamente approvato dall’assemblea
  • raccolta e contabilizzazione dei versamenti effettuati da parte dei singoli condomini
  • pagamento all’impresa degli acconti contrattualmente stabiliti e del saldo, a seguito di rilascio di specifiche certificazioni del direttore dei lavori
  • rendicontazione finale e riparto definitivo della spesa straordinaria tra i condomini
  • espletamento delle incombenze di competenza dell’amministratore relative alle agevolazioni fiscali previste dalle disposizioni vigenti in favore dei condomini (es.: IVA agevolata; riduzione IRPEF ecc.)
  • compimento di tutte le attività connesse agli adempimenti relativi alla sicurezza nel cantiere

Partecipazione alle udienze davanti all’Autorità giudiziaria in relazione a vertenze nelle quali il condominio sia parte

Stampa ed invio solleciti di pagamento condomini morosi

 

 

 

Vademecum del Condominio

VADEMECUM  DEL CONDOMINO RESPONSABILE

E' importante manifestare il proprio interesse per la comunità condominiale partecipando attivamente alle assemblee del condominio ed alla discussione sui punti all’ordine del giorno.

“All’assemblea di condominio? No, non sono andato. Finisco tardi di lavorare… c’era la partita… mi sono dimenticato… non avevo nessuno a cui lasciare i bambini… non mi sentivo bene … non avevo voglia di litigare… tanto comunque decidono tutto sempre gli stessi.”

Queste sono alcune delle motivazioni che portano le persone a disertare le assemblee. In questo modo viene meno il momento principale della "democrazia" condominiale. È un diritto delegare qualcuno a partecipare all’assemblea in propria vece, ma si consiglia vivamente di partecipare di persona.

Nella maggior parte delle assemblee di condominio si discute e si prendono delle decisioni come in una famiglia e come in famiglia discutere e prendere decisioni non sempre è facile, ma va fatto.

Chi non partecipa delega di fatto gli altri a scegliere per lui; a nulla serve lamentarsi dell’onerosità delle spese di condominio o delle scelte di gestione o di amministrazione, avendo disertato l’assemblea condominiale o, peggio ancora, avendo superficialmente delegato. Questo costringe ad accettare le scelte deliberate in modo passivo, senza nulla poter fare, salvo i casi in cui le delibere assembleari siano illegittime o irregolari.

Se poi la propria assenza preclude la possibilità di votare, perché mancano le maggioranze necessarie, questo comporta ricadute negative sulla vita condominiale che rischia la paralisi. Quindi per ogni decisione che comporti una votazione è importante partecipare, ascoltare, riflettere; occorre discutere i progetti con spese importanti cercando di acquisire pareri che aiutano l'assemblea.

Arrivare all’assemblea con le idee chiare e con le giuste informazioni è senza dubbio il modo migliore per concordare con gli altri condomini scelte attente e coscienziose.

E' importante ricordare che il preventivo da noi presentato non è per questa sola ragione il migliore in assoluto. Se poi si ritiene di non essere in grado di scegliere, ci si adegua alla maggioranza o si accetta il suggerimento dell’amministratore.

 

DECALOGO DEL CONDOMINO RESPONSABILE 

Il condomino responsabile:

1. Quando rileva che qualcosa non va all’interno del condominio lo segnala subito, contattando l'amministratore o i consiglieri di scala, sia per informare su quanto rilevato sia per chiedere delucidazioni. Nel caso il telefono sia occupato riprova più tardi o negli orari suggeriti dalla segreteria evitando il solito pregiudizio “ho chiamato l’amministratore ma lui non c’è mai”. Buona norma sarebbe anche avvisare l’amministratore quando un lavoro richiesto è stato eseguito e con quale esito.

2. Sorveglia l’amministrazione verificando quanto più possibile, ma senza assumere per principio un atteggiamento critico nei confronti dell’operato dell’amministratore. L’Amministratore deve tutelare per definizione gli interessi di tutti, anche di chi per ipotesi, si è opposto alla sua nomina.

3. Si attiene per i pagamenti alle modalità ed ai tempi determinati dall’assemblea; paga regolarmente entro la scadenza le rate condominiali e se, per qualunque motivo, non può avvisa l’amministratore del ritardo. Evita l'utilizzo di contanti preferendo il pagamento mediante bonifico sul conto corrente del condominio perché questo garantisce la rintracciabilità del versamento. Oppure con assegno, intestato al condominio e non all’amministratore, in questo caso l’amministratore rilascia una ricevuta da tenere insieme alla fotocopia dell’assegno.

4. Non prende posizione contraria relativamente alle spese dalle quali non pensa di trarre un profitto personale; al contrario si dimostra solidale con la generalità dei condomini per il buon funzionamento del sistema e la conservazione dell’immobile, consapevole che l’interesse generale è anche il proprio interesse particolare. Chi vive in condominio o comunque è proprietario di un immobile sito in un contesto condominiale, deve sentirsi responsabile delle parti comuni al pari della sua proprietà esclusiva. Infatti, basta leggere un rogito di acquisto di un’unità immobiliare posta in regime di condominio per notare subito che il titolare è proprietario non solo dell’immobile ma anche pro quota delle parti comuni (tetti, scale, cortili, ecc.); queste inevitabilmente influenzano il valore di mercato del nostro appartamento, ufficio o negozio.

5. Cerca di stabilire rapporti umani con i propri vicini all'insegna della tolleranza. La vita nella comunità condominiale impone il rispetto reciproco e la solidarietà tra tutti i condomini. Questo richiede di evitare di portare avanti battaglie su questioni di principio. Si reclama a gran voce la pace nel mondo e non si riesce a garantire la pace tra vicini di casa a causa di questioni assolutamente insignificanti. Il condomino responsabile, se gli cade qualcosa dal balcone, si affretta a chiedere scusa. Il condomino responsabile, se gli cade qualcosa sul balcone, avvisa con gentilezza il vicino dell’inconveniente e accetta le scuse, poi torna a casa e si dimentica dell’accaduto.

6. Rispetta le regole di buona convivenza raccolte nel regolamento di condominio, e non solo, pretende che tutti i componenti della sua famiglia le rispettino. Il condomino responsabile non fuma in ascensore, non lascia le porte aperte (tanto porto solo fuori il cane e torno subito), si impegna per fare una corretta raccolta dei rifiuti.

7. Ricorda e fa cortesemente ricordare a tutti, che i servizi comuni non sono riservati in esclusiva a questo o a quel condomino e che ognuno deve servirsene per le esigenze strettamente indispensabili evitando sprechi ed abusi.

8. Offre la propria disponibilità per incarichi utili al buon funzionamento del Condominio.

9. Collabora con l’amministratore, lo consiglia, gli dà dei suggerimenti e lo informa prima dell’assemblea degli argomenti che sarebbero da inserire all’ordine del giorno.

10. Ricorda, prima di decidere di intraprendere una causa, di valutare bene costi (sicuri) e benefici (sperati), optando per la decisione che assicuri il migliore rapporto tra questi e non tralasciando di considerare anche l’effetto indotto di una causa, indipendentemente dal suo esito, sui rapporti di buon vicinato. Un sereno e franco confronto di idee, nella sede appropriata, dal quale scaturisca una decisione tale da venire incontro alle necessità della maggioranza, senza danno per alcuno, vale tutte le sentenze possibili.

 

Area Condomini

Inserisci i tuoi dati per accedere

Password dimenticata? Clicca qui

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti alla nostra newsletter

    

News dello studio

giu13

13/06/2018

Privacy, amministratore di condominio tra natura della responsabilità per i danni da illecito trattamento ed esimente di imputabilità

Articolo 82 del regolamento europeo sulla protezione dei dati personali in relazione alla responsabilità per trattamento illecito. appiamo ormai da tempo che Titolare del Trattamento è

giu13

13/06/2018

Elenco morosi.Il condominio paga "una penale" in caso di mancata cooperazione con i creditori

L'amministratore deve fornire ai creditori i dati anagrafici dei morosi. Si tratta di un dovere legale di salvaguardia dell'aspettativa di soddisfazione dei soggetti titolari dei creditiLa società

giu4

04/06/2018

Ringhiere dei balconi arrugginite, manutenzione e spese

Ringhiere arrugginite: ripartizione costi e compiti assemblea A chi spetta pagare la manutenzione delle ringhiere del balcone che presentano segni di arrugginimento? Chi può ordinare l'intervento? Quali

Archivio news